lunedì 23 gennaio 2017

“Sous tes doigts”: la memoria è una danza che (ri)unisce oltre il tempo, lo spazio e il dolore