giovedì 6 ottobre 2016

Sotto18 2016: anche il meglio di Soyuzmultfilm nel programma scuole

Sotto18 2016: anche il meglio di Soyuzmultfilm nel programma scuole

PROGRAMMA PER LE SCUOLE | 21 novembre – 7 dicembre 2016

Aperte le prenotazioni per proiezioni, incontri, attività didattiche e formative: Con il programma speciale dedicato alle scuole della XVII edizione, Sottodiciotto Film Festival –  organizzato da Aiace Torino e da Città di Torino (Direzione Cultura Educazione e Gioventù e ITER – Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile) – arricchisce ufficialmente la sua denominazione con l’estensione “& Campus”: il primo passaggio per un ampliamento di obiettivi destinato a indirizzare la manifestazione, sotto la nuova direzione di Steve Della Casa, non soltanto al tradizionale pubblico di riferimento delle scuole d’infanzia, primarie e secondarie, ma anche ai ragazzi che frequentano le Università.

L’allargamento strutturale del Festival – dettato dalla convinzione che il rapporto tra i giovani e il mondo dell’audiovisivo, complesso e stratificato, possa essere utilmente integrato da attività, stimoli e suggerimenti offerti all’interno della manifestazione proprio come in un moderno campus – si perfezionerà nel 2017. La XVIII edizione, che sancirà la definitiva collocazione del Festival nel periodo primaverile, ospiterà le sezioni competitive tradizionalmente riservate ai prodotti audiovisivi realizzati dalle Scuole di ogni ordine e grado, mentre il protagonista dell’edizione di quest’anno sarà il Concorso Sotto18 OFF, dedicato agli audiovisivi realizzati individualmente dai ragazzi under 18 in ambito extrascolastico.

In parallelo, il Festival propone, come di consueto, agli studenti di tutte le età, un palinsesto specifico di proiezioni, incontri, attività didattiche e laboratori dal 21 novembre al 7 dicembre 2016, che precede e poi affianca il programma aperto a tutto il pubblico (1-7 dicembre 2016) e per le cui iniziative sono già aperte le iscrizioni.

Realizzato con il contributo di Regione Piemonte, Città di Torino, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT, il Festival  si avvale, anche per il programma Scuole 2016, della collaborazione di un grande numero di partner, quest’anno ulteriormente implementato, a segno della costante ricerca di sinergie con enti e istituzioni locali e nazionali che caratterizza la manifestazione.

proiezioni e incontri ► Il cartellone Scuole del Festival propone, come tradizione, una serie di proiezioni differenziate per livello scolastico, accompagnate da incontri con ospiti che offrono spunti di riflessione e discussione sul tema introdotto dal film in programma.

Scuole d’infanzia e primarie. Il primo appuntamento riservato alle Scuole d’Infanzia è con l’“Animazione russa: l’incanto delle piccole storie” (giovedì 24 novembre, ore 10, Cinema Fratelli Marx): un omaggio al Sojuzmul’tfil’m, il grande studio di Mosca che dal 1936 fa sognare piccoli e grandi con la sua produzione in origine ispirata alla favolistica tradizionale e oggi profondamente innovata, che sarà introdotto e commentato da Eugenia Gaglianone, esperta di cinema russo.  Sempre per i piccoli delle Scuole d’infanzia, ma anche per quelli delle Primarie, sarà proiettato (mercoledì 23 novembre, ore 10, Cinema Due Giardini) Snoopy & Friends – Il film dei Peanuts, di Steve Martino, la recente produzione che rivisita e adatta con successo per i bambini del XXI secolo le avventure degli indimenticabili personaggi nati dalla penna di Charles Schulz. La proiezione, organizzata in collaborazione con ASIFA Italia, sarà presentata dal critico e animatore Andrea Pagliardi. Ancora ai bambini delle Primarie viene proposto, in collaborazione con Amnesty International – Piemonte e Valle d’Aosta, Home – A casa di Tim Johnson (martedì 22 novembre, alle 10, al Cinema Eliseo), il nuovo film targato Dreamworks che affronta il tema dell’integrazione e dell’amicizia tra “diversi” attraverso la storia del piccolo alieno combinaguai e della ragazzina di colore che si alleano per salvare la terra. Introducono la proiezione Ilaria Minì, referente Educazione ai Diritti Umani Amnesty International – Piemonte e Valle d’Aosta, e Simone Piani, attivista Educazione ai Diritti Umani. A seguire, invece, sempre per le Primarie, un film ambientato nel più classico dei mondi incantati, tra elfi, fate e goblin, Strange Magic (lunedì 28 novembre, alle 10, al Cinema Eliseo), il musical d’animazione, diretto da Gary Rydstrom e scritto da George Lucas, che si ispira, tra altri testi, a “Sogno di una notte di mezza estate” ed è animato dalle canzoni più popolari degli anni 60. La proiezione, che sarà commentata da Lia Furxhi, presidente di Aiace Nazionale, si affianca a un laboratorio di lettura curato dalle Biblioteche Civiche Torinesi. Chiude la sezione dedicata alle scuole Primarie Zootropolis di Byron Howard, Rich Moore, Jared Bush, l’ultimo  “Classico Disney”, il  55°, poliziesco d’animazione fresco di grande successo. Ambientato in una moderna metropoli di animali antropomorfi in cui predatori e prede convivono, apparentemente, in modo civile e collaborativo, come i due protagonisti – l’inaspettata coppia di investigatori formata dalla coniglietta-poliziotta Judy e Nick, la volpe truffaldina – il film è  proposto (mercoledì 7 dicembre, alle 10, al Cinema Romano) ancora in collaborazione con ASIFA Italia e presentato dal critico Andrea Pagliardi.

Scuole Primarie e Secondarie di I grado – Inaugurazione. L’avvio della sezione dedicata congiuntamente ai piccoli allievi delle Primarie e a quelli più grandicelli delle Secondarie di I grado coincide con la proiezione inaugurale. A ridosso della Giornata Internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (il 20 novembre, quest’anno festivo), che tradizionalmente segna la data d’inizio del programma Scuole del Festival, viene proposto (il 21 novembre, alle 10, in duplice proiezione al Cinema Romano 1 e 3), in collaborazione con il Comitato UNICEF Torino, il film Heidi, la recente, fedele trasposizione sul grande schermo firmata dal regista svizzero Alain Gsponer del celebre romanzo scritto da Johanna Spyri e imperniato sul personaggio della piccola orfana coraggiosa, la cui condizione svantaggiata viene superata grazie al rapporto salvifico con la natura. La proiezione sarà introdotta da Maria Costanza Trapanelli, presidente del Comitato Unicef Torino.

Scuole Secondarie di I grado.  Alle Scuole secondarie di I grado sono riservate specificamente tre proiezioni. La prima è Microbo & Gasolina (martedì 22 novembre, alle 9.30, al Cinema Eliseo), buddy movie considerato tra le opere più personali e riuscite del regista Michel Gondry; storia di un’amicizia tra due adolescenti nata sui banchi di scuola e proseguita con un rocambolesco viaggio attraverso la campagna francese, il film sarà commentato da Lia Furxhi, presidente di AIACE Nazionale. Il secondo titolo in cartellone è un altro successo francese, La famiglia Bélier (venerdì 2 dicembre, alle 9.30, al Cinema Classico), diretto da Eric Lartigau e proposto in collaborazione con il Centro di Psicologia Ulisse in occasione della Giornata internazionale per i diritti delle persone con disabilità. Le divertenti e toccanti dinamiche interne della famiglia di agricoltori sordomuti e della loro indispensabile interprete, Paula, l’unica, tra i figli, dotata sia di udito sia di parola, saranno analizzate da Mauro Martinasso, psicoterapeuta e direttore del Centro di Psicologia Ulisse. Completa la sezione la riproposizione, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema, di un intramontabile classico, Mio zio di Jacques Tati (martedì 6 dicembre, alle 9.30, al Cinema Romano), recentemente tornato nelle sale in versione restaurata. A commentare la sempre attuale satira sull’alienazione contemporanea di cui sono protagonisti lo stravagante Monsieur Hulot e il suo nipotino Gérard sarà il critico cinematografico Stefano Boni.

Scuole secondarie di I grado e II grado. Ad entrambi i gradi delle Scuole Secondarie è proposta (lunedì 28 novembre, alle 9.30, al Cinema Eliseo) la proiezione di È arrivata mia figlia, in collaborazione, nuovamente, con Amnesty International – Piemonte e Valle d’Aosta.  Diretto dalla brasiliana Anna Muylaert, che si sofferma sulle differenze sociali e generazionali del suo Paese attraverso la storia del ricongiungimento familiare tra Val, insostituibile governante a servizio di una facoltosa famiglia di San Paolo, e la figlia Jessica, cresciuta lontano e, nel frattempo, fortemente emancipatasi, il film sarà commentato dalla psicologa e cooperatrice internazionale in ambito psicoeducativo Anna Florio. La sezione riservata esclusivamente alle Secondarie di II grado si apre (lunedì 21 novembre alle 9.30, al Cinema Romano) con un titolo recentissimo, Piuma, terzo lungometraggio con cui il regista anglo-italiano Roan Johnson si misura con il mondo dei più giovani, dopo I primi della lista e Fino a qui tutto bene, affrontando, questa volta, il tema delle responsabilità precoci attraverso la storia di due diciottenni alle prese, oltre che con l’esame di maturità, con una gravidanza inattesa. Presentato in concorso all’ultimo Festival del Cinema di Venezia, il film sarà seguito da un incontro con il regista. In occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ancora in collaborazione con Amnesty International – Piemonte e Valle d’Aosta, verrà proposto (venerdì 25 novembre, alle 9.30, al Cinema Romano) La sposa bambina, con cui la regista e produttrice yemenita Khadija Al-Salami ‒ basandosi sul romanzo autobiografico “I am Nujood, age 10 and divorced” scritto da Nojoud Ali con la giornalista Delphine Minoui ‒ racconta e denuncia la pratica dei matrimoni infantili, ancora diffusa nel suo come in tanti altri Paesi. La proiezione sarà seguita da un incontro con Ferdinanda Vigliani, presidente del Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile. A seguire, in anteprima per il Piemonte e in collaborazione con l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza e il Centro Studi Primo Levi, verrà presentato Il Duce a Trieste – documentario dell’Istituto Luce (martedì 29 novembre, alle 9.30, al Cinema Romano), il mediometraggio che contiene il “discorso sulla razza” pronunciato da Mussolini nel 1938 nella città giuliana e oggi recuperato nella sua interezza. Assenti dal lungometraggio storico finora disponibile sul viaggio nel Nord-Est compiuto dal Duce nel settembre di quell’anno, i 18 minuti cruciali del discorso di Piazza dell’Unità ‒ in cui  Mussolini definisce l’ebraismo mondiale “nemico irreconciliabile” e preannuncia la promulgazione delle leggi antisemite, attestando in modo inequivoco il carattere razziale della politica fascista ‒ sono stati riportati alla luce grazie alla copia positiva integrale in nitrato conservata all’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, ora restaurata in collaborazione con l’Istituto Luce. La proiezione sarà introdotta da Paola Olivetti e Corrado Borsa dell’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza e seguita da un incontro con Bruno Maida, storico dell’Università degli Studi di Torino. In cartellone, sempre per le Secondarie, anche Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick (mercoledì 30 novembre, alle 9.30, al Cinema Classico), con cui Ron Howard ricostruisce la storia vera da cui è nato uno dei grandi capolavori della letteratura mondiale basandosi sul libro di Nathaniel Philbrick “Il cuore dell’Oceano – Il naufragio della baleniera Essex”. La proiezione, cui si affianca un laboratorio di lettura a cura delle Biblioteche Civiche Torinesi, sarà introdotta dal giornalista e critico cinematografico Carlo Griseri. Chiude la sezione Lo chiamavano Jeeg Robot (lunedì 5 dicembre, alle 9.30, al Cinema Romano), film-fenomeno italiano della passata stagione con cui Gabriele Mainetti rende omaggio alla celebre serie manga e anime del titolo attraverso la storia nostrana del piccolo ladruncolo di Tor Bella Monaca diventato eroe dotato di super-poteri dopo un bagno nel Tevere inquinato da bidoni pieni di sostanze radioattive. La proiezione sarà seguita da un incontro con il regista.

Alle proiezioni si affianca, come tradizione, la Festa di premiazione dei prodotti delle scuole con cui ITER corona l’annuale impegno nel campo della didattica audiovisiva presentando a Sottodiciotto (mercoledì 30 novembre, ore 9.30, Cinema Massimo) i 21 lavori realizzati dai propri Centri di Cultura nel corso dell’anno scolastico 2015-2016.

SOTTO18 LAB ► Forte del successo registrato negli scorsi anni, il Festival propone anche in quest’edizione l’iniziativa Sotto18LAB, l’offerta, rivolta alle scuole dei diversi ordini e gradi, di attività didattiche e workshop differenziati per età e realizzati grazie alle collaborazioni con realtà e istituzioni attive sul territorio piemontese.

Per i piccoli della fascia 6-11 anni, viene organizzato il laboratorio di Cineletture, curato dalle Biblioteche Civiche Torinesi e dedicato alle fonti letterarie del film Strange Magic di Gary Rydstrom.  Agli allievi della fascia 6-14 anni vengono proposti i laboratori Magie del cinema d’animazione e Impressioni di luce, viaggi alla scoperta del mondo dei cartoni animati e dentro i segreti della camera oscura organizzati in collaborazione con Laboratorio ITER – Centro di Cultura per l’Arte e la Creatività.

Agli studenti della Secondaria di I grado, nella fascia 11-14 anni, sono proposti:  Cinema da ascoltare, curato dal Museo Nazionale del Cinema e dedicato alle diverse componenti della colonna sonora come elementi espressivi centrali nella realizzazione di un film; il laboratorio curato dalle Biblioteche Civiche Torinesi e dedicato all’utilizzo di testi, immagini, musiche liberi da diritti organizzato in concomitanza con la prima edizione di Pubblico Dominio Open Festival, che si svolgerà a Torino dal 29 dicembre al 3 dicembre; Media Lab RAI – Orientamento alle professioni del cinema e della televisione, curato dal Centro di produzione Rai di Torino, che propone quattro itinerari di esplorazione in altrettanti diversi ambiti professionali cine-televisivi.

Ampia l’offerta anche per i più grandi della fascia 14-19 anni, per i quali vengono organizzati: Migrazioni e popoli in viaggio: Storia del ‘900, curato dal Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà e dal Polo del ‘900 e legato alla proiezione del mediometraggio Il Duce a Trieste – documentario dell’Istituto Luce; Come si crea un film di animazione, incontro-seminario sul processo creativo e produttivo del film animato a cura del Centro Sperimentale di Cinematografia – Sede del Piemonte; Cineletture, ancora a cura delle Biblioteche Civiche Torinesi, dedicato alle fonti letterarie del film  Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick di Ron Howard; Document-azione, nuovo percorso formativo curato da AIACE Torino e Sottodiciotto Film Festival & Campus, con la collaborazione e il patrocinio di INDIRE, che propone ai ragazzi e alle ragazze di utilizzare il cinema come occasione creativa e produttiva, per documentare e raccontare la loro percezione della scuola; Media Lab RAI – Orientamento alle professioni del cinema e della televisione, a cura del Centro di Produzione RAI di Torino, che propone quattro conversazioni con professionisti del mondo del cinema e della televisione, accompagnate da due visite sul set durante le riprese della fiction Rai Non uccidere 2.

formazione ► Diversificate anche le iniziative di formazione, che il Festival indirizza sia ai giovanissimi, sia a insegnanti ed educatori. Il programma rivolto a tutto il pubblico, giovedì 1 dicembre, si aprirà con una giornata dedicata al nuovo progetto promosso da Aiace Torino e da Sottodiciotto Film Festival & Campus sul fare cinema come occasione per raccontare la propria scuola. La mattinata (dalle 9.30, al Cinema Massimo) sarà interamente rivolta agli studenti delle scuole superiori e proporrà, oltre alla proiezione dei 5 cortometraggi frutto del percorso di formazione Document-azione, la visione di filmati d’archivio delle passate edizioni del Festival, così come di alcuni frammenti tratti dai grandi classici della storia del cinema. Interverranno Domenico Chiesa, insegnante CIDI, insieme ai docenti e critici di AIACE Torino ‒ Cristina Colet, Eugenia Gaglianone, Michele Marangi, Manuela Michetti, Umberto Mosca ‒ e ai ricercatori di INDIRE – Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa. Nel pomeriggio (dalle 15.30, al Cinema Massimo), si svolgerà il convegno “Come ti documento la scuola!”, dedicato all’utilizzo del cinema come possibile e vitale strumento di documentazione pedagogica. Ai lavori parteciperanno i ricercatori di INDIRE e il maestro e scrittore Franco Lorenzoni, autore del film documentario Elementare – Appunti di un percorso educativo, di cui verrà presentato un estratto nel corso del convegno.

Sono inoltre rivolte specificamente agli insegnanti le proiezioni di due film che raccontano altrettante particolari esperienze didattico-pedagogiche. Il primo è fuoriClasse, di Stefano Collizzolli e Michele Aiello, proposto in collaborazione con il Festival dell’Educazione 2016, presentato in anteprima per il Piemonte (venerdì 25 novembre, alle 18, al Cinema Nazionale) e dedicato a un’esemplare iniziativa di rete che, a partire da una web radio creata nella piccola scuola elementare di una borgata romana, ha offerto occasioni di comunicazione, condivisione e partecipazione ai piccoli allievi di sei laboratori creativi organizzati in altrettanti territori della periferia italiana. La proiezione sarà accompagnata da un incontro con i due autori, moderato da Domenico Chiesa, insegnante CIDI. Il secondo film proposto è Una volta nella vita di Marie-Castille Mention-Schaar (giovedì 1 dicembre, alle 18.30, al Cinema Massimo), ispirato alla storia vera di Anne Gueguen, docente di storia al Liceo Léon Blum di Créteil ‒ nella multiculturale ed esplosiva banlieue a sud-est di Parigi ‒ che sceglie proprio la sua classe più difficile e ribelle per partecipare al concorso nazionale dedicato alla Resistenza e alla deportazione indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione, coinvolgendo i ragazzi in un’esperienza che cambierà le loro vite.

INFO E MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE:

Tutti gli appuntamenti e le proiezioni del Festival sono a ingresso gratuito. Per le proposte indirizzate alle scuole è necessaria la prenotazione presso la sede del Festival: Aiace Torino (ore 9.30-17.30); info@sottodiciottofilmfestival.it; tel. 011 538962

Il programma per le Scuole del Festival è consultabile sul sito http://ift.tt/21VK80k

I LUOGHI DELLE PROIEZIONI

Cinema Classico (piazza Vittorio Veneto 5, tel. 011 5363323), Cinema Due Giardini (via Monfalcone 62, tel. 011 3272214), Cinema Eliseo (via Monginevro 42, tel. 011 4475241), Cinema Fratelli Marx (corso Belgio 53, tel. 011 8121410), Cinema Massimo (via Verdi 18, tel. 011 8138574), Cinema Nazionale (via Pomba 7, tel. 011 8124173), Cinema Romano (Galleria Subalpina, Piazza Castello 9, tel. 011 5620145).



from WordPress http://ift.tt/2dvR9XV
Vai su www.afnews.info per altre news!