domenica 4 giugno 2017

Indiana Pipps e l’esilarante tesoro dei Ridolones

afn:
Indiana Pipps e l’esilarante tesoro dei Ridolones

Lo sapevate? Anche a Topolinia c’è Central Park. Nel cuore di esso, sopra una delle sue querce frondose, si è trasferito, con tanto di baita sopraelevata, nientemeno che Indiana Pipps. Ma non certo per farne la sua sistemazione definitiva.  Il tempo di ricevere una misteriosa consegna nella notte… ed eccolo  nuovamente in azione, novello Ponce de León alla ricerca non della fonte dell’eterna giovinezza, ma di quella dell’ilarità perpetua, posseduta dalla fortunata tribù amazzonica dei Ridolones.

Nihil novum, praeter hostes. In quest’avventura non c’è traccia del dottor Kranz, il collega archeologo di Pipps frustrato al punto da farsi criminale; lo sostituisce un blogger che si occupa di archeologia solo per farne un web-spettacolo (e guadagnare tonnellate di visualizzazioni): il suo nome è Archeo Boom, il reporter-smanettone che ha fatto della webcam un’appendice tricologica. Di certo comunque il nuovo arrivato non fa rimpiangere Kranz: tra consuetudini e cerimoniali d’accoglienza degli indigeni si muove con la stessa grazia di mr. Walter Donovan in Indiana Jones e l’ultima crociata.

Anch’egli finirà a bere un Graal scelto male, molto male.  Non sapeva, quell’avido povero in spirito, che il segreto dell’eterna allegria sta in uno scrigno fatto di legno, come il Graal autentico: un vero e proprio cofanetto di anti-Pandora. Per maggiori informazioni chiedere allo sherpa che consente a Topolino e nipoti di raggiungere Indiana Pipps, e togliergli anche un po’ di castagne dal fuoco.


Su “Topolino 3210”. Soggetto e sceneggiatura di Valentina Camerini. Disegni di Massimo De Vita.


[Articolo di Gianluca Vivacqua]



from WordPress http://ift.tt/2qMYXWi
Vai su www.afnews.info per altre news!