giovedì 13 ottobre 2016

GUIDO CREPAX PER DARIO FO

GUIDO CREPAX PER DARIO FO

Comunicato stampa WOW: All’interno della mostra L’ALTRO CREPAX, che si inaugura sabato 15 ottobre presso WOW Spazio Fumetto (Viale Campania 12), con più di 60 tavole mai esposte prima disegnate di Guido Crepax per la rivista Tempo Medico, sarà esposto un particolare tributo a Dario Fo, scomparso oggi. Guido Crepax aveva infatti realizzato la copertina di un 45 giri registrato da Fo, in coppia con Giorgio Gaber, nel 1962 con le canzoni IL MIO AMICO ALDO e TRE STORIE DI GATTI.  

“Il mio amico Aldo/Tre storie di gatti (una triste, una allegra, una media)” è il titolo di un 45 giri di Giorgio Gaber e Dario Fo, pubblicato nel 1962 da Ricordi su un’etichetta fantasma chiamata “Baffo” (nome inventato in omaggio al brano registrato sul lato B, ossia “Tre storie di gatti”). Si tratta dell’unico caso di collaborazione tra Gaber e Fo; i brani, due brevi favole lette da Fo con interventi musicali di Gaber, sono stati poi inseriti in varie raccolte dei due artisti (il che rende questo disco un pezzo particolarmente difficile da trovare).
Sul disco non sono riportati gli autori dei brani, che peraltro non risultano depositati alla Siae, ma in una raccolta di Fo pubblicata dalla Ricordi, “Le canzoni di Dario Fo”, i due brani sono attribuiti a Mogol. Dario Fo in un’intervista sostenne invece che gli autori veri fossero lui e Gaber: “Giorgio aveva in tasca una musica che mi piaceva, io ci misi le parole. Nacque così ‘Il mio amico Aldo’, la nostra prima e unica collaborazione”. Tuttavia è quasi certo che la paternità dei testi sia da attribuire a Franco Crepax (fratello di Guido) che era allora un importante discografico e che preferì non firmare i due brani. Le musiche sono invece di Gaber. Il lato A, “Il mio amico Aldo”, racconta il primo giorno di scuola di un bambino, Aldo appunto, che lungo tutta la vicenda si imbatte in vari personaggi casualmente tutti suoi omonimi, con sorpresa finale. Al termine del racconto recitato da Fo, interviene Gaber, voce e chitarra, incarnando la morale della favola. Il lato B, “Tre storie di gatti”, contiene tre storielle raccontate da Fo con protagonisti altrettanti gatti, con intermezzi suonati e cantati da Gaber.

Luigi Bona, direttore di WOW Spazio Fumetto, dichiara: “E’ curioso come proprio l’altro giorno, riordinando il materiale da esporre nelle teche della mostra sia saltato fuori dagli archivi della Fondazione Franco Fossati questo disco così particolare, con la copertina disegnata da Crepax che ritrae Aldo, il bambino protagonista della storia narrata sul lato A, e tre simpatici mici, protagonisti delle storielle sul lato B. Ci siamo meravigliati tutti della “scoperta” non ricordando di aver mai visto questo 45 giri. Oggi, appresa la triste notizia della scomparsa di Dario Fo, questo disco assume per noi un significato particolare e verrà esposto in mostra con particolare risalto. Credo che sia il modo migliore con il quale il nostro Museo possa ricordare un artista immenso attraverso il tratto di un altro gigante”.



from WordPress http://ift.tt/2ejWUar
Vai su www.afnews.info per altre news!