giovedì 30 aprile 2009

Lucca: E lucean le stelle... al Museo

Di fatto ha tutte le caratteristiche per essere presentato come un grande evento. Senz'altro riconosciamo che con la mostra "E lucean le stelle… Viaggio per immagini e fumetti dal macrocosmo di Galilei al microcosmo di Einstein" (dal 2 maggio al 31 dicembre 2009), il Museo del fumetto di Lucca ha fatto un gran passo in avanti. Almeno per quel che riguarda l'allestimento: tavole, litografie storiche e albi originali si mescolano a figure tridimensionali in cartapesta e strumenti tecnologici e interattivi. Insomma, la mostra è di quelle che suscita curiosità. Anche perché alla parte espositiva (solo 4 sezioni su 7 sono ora visitabili; per le altre sarà necessario aspettare settembre) si unisce la pubblicazione di due volumi, Uno dei quali, edito dal Museo e da Settegiorni Editore, è già stato presentato. Si tratta di "Verso Selene - Il romanzo dell'uomo sulla luna, dall'immaginario alla scienza" (Pier Luigi Gaspa, 16 euro). Il secondo volume conterrà una storia inedita a fumetti, ancora una volta incentrata sul tema della scienza. La sceneggiatura è del direttore del Muf, Angelo Nencetti. A disegnarla sono Sergio Toppi, Gradimir Smudja e Giorgio Cavazzano. Che per la mostra ha realizzato anche Galileo Lucensis, personaggio in stile Disney il cui ruolo è quello di accompagnare i visitatori lungo tutto il percorso della mostra. Questi due volumi (assieme ad altri titoli di cui ancora non si sa nulla) saranno poi distribuiti gratuitamente in formato digitale alle scuole italiane. Un'iniziativa ministeriale di cui si è parlato anche in passato ma che non è stata ancora istituzionalizzata. Infine, per l'occasione, il Museo di Lucca apre al pubblico uno nuova area esterna: il capannone di una ex Caserma si trasforma così in area espositiva, aggiungendo di fatto 680 metri quadri di superficie. Per saperne di più sui contenuti della mostra, sui libri a fumetti inseriti fra i libri di testo scolastici e sui nuovi spazi del Museo di Lucca, vi rimandiamo al quotidiano LoSchermo, dove osno stati pubblicati un articolo di commento e il comunicato stampa integrale. Poi, sul blog inFumo, in un unico post è possibile accedere alla galleria fotografica della conferenza stampa e a una piccola video intervista ad Angelo Nencetti, che presenta la mostra.

Elisa Penna passed away

Elisa Penna in una caricatura di Luciano Milano - clickElisa Penna, notissima per la sua lunghissima collaborazione con Topolino e la Disney italiana, si è spenta questa notte. Non abbiamo ancora ulteriori informazioni. Era nata a Cusano Milanino nel 1930. In Mondadori dal 1959, entrò nella redazione di Topolino nel 1962. Il suo nome, tra il resto, è rimasto legato alla creazione del personaggio Paperinik. Potete leggere un ricordo di Elisa Penna nel blog di Luca Boschi, facendo click qui.

Elisa Penna, wellknown in the Disney world, passed away this night.

Una mappa dei Festival del Fumetto in Italia

Per ora prendiamolo come un piccolo test. In fondo alla colonna di destra della homepage di afNews trovate una piccola mappa (dinamica e ingrandibile) che mostra i festival e le mostre mercato del fumetto in Italia, sulla base delle segnalazioni archiviate nella nostra Agenda del Fumetto. Si tratta semplicemente di una applicazione di Google Maps che chiunque può creare per proprio conto con facilità (e molta pazienza). Se la ingrandite, trovate anche (in alto a destra) l'opzione "Link" che vi consente di prelevare un breve script per inserire la mappa nel vostro sito, se vi va. Potete effettuare ulteriori ricerche di dettaglio (alberghi, fumetterie, percorsi ecc.) con le normali funzioni di Google Maps. Se siete già utenti di Google, potete salvarla tra le vostre mappe. Può essere interessante, anche se per ora è incompleta, parziale e in progress (segnalateci, come sempre, festival e mostre mercato mancanti: redazione@afnews.info), notare a colpo d'occhio la collocazione geografica dei festival nel nostro Paese. L'immagine complessiva può stimolare pensieri e ragionamenti: perché lì non ce ne sono? Perché là che ne sono così tante?... Fate click sull'immagine qui accanto per accedere direttamente alla versione grande.

Just a test: a map of the Italian comics festivals. Click the image.

Perche' ho ucciso Pierre in mostra a Latina

Riceviamo: "Alfred, disegnatore di Perché ho ucciso Pierre, un nuovo graphic novel premiato dal pubblico francese come miglior fumetto al Festival di Angouleme 2007, è il protagonista con i suoi disegni della VI edizione di Made in china, la rassegna dedicata agli artisti che utilizzano questo strumento per disegnare, in mostra al centro commerciale Latina Fiori, dal 27 aprile al 3 maggio. Perché ho ucciso Pierre è un romanzo autobiografico sulla vita dello sceneggiatore, Olivier Ka, che solo da adulto riesce ad affrontare l'episodio più drammatico della sua vita: un abuso da parte di un prete e la perdita di fiducia in una persona che riteneva la più importante della sua vita. Olivier era un ragazzo cresciuto in un ambiente hippie permissivo e libertario, abituato alla nudità degli adulti. A 12 anni, durante una vacanza estiva, Pierre, un prete del quale era diventato grande amico, approfitterà della fiducia conquistata e costringerà Olivier a toccare il suo corpo senza apparente violenza. Questo evento segnerà per sempre la vita del ragazzo e crescendo, Olivier cercherà di uccidere metaforicamente Pierre, fino al giorno del loro nuovo incontro... Una storia dolce e terribile allo stesso tempo, veritiera al punto da avvertire, sin dalle prime pagine, un senso di pressione incombente. La mostra ripercorre tutte le vicende più importanti raccontate nel libro: dall’infanzia passata con i genitori, alla conoscenza con Pierre, all'arrivo di loro misterioso amico e soprattutto il percorso di metabolizzazione della violenza subita. Premi di Perché ho ucciso Pierre: - Premio del pubblico ad Angouleme 2007 - Prix essential ad Angouleme 2007."

Concorso per allievi di scuole di fumetto e artistiche

Disegno di DanyIn occasione dell'anno dedicato al fumetto belga (2009) l'Ufficio Belga per il Turismo Bruxelles - Vallonia, il CTS ( Centro Turistico Studentesco e Giovanile ), la Brussels Airlines e l'Associazione italiana professionisti del fumetto Anonima Fumetti (responsabile per gli aspetti scientifici), indicono il premio artistico dedicato ai personaggi tipici del fumetto belga Il Fumetto Belga per Bambini e Ragazzi. L'obiettivo è far conoscere meglio la produzione fumettistica del Belgio, stimolando nel contempo, la produzione di fumetti per bambini e ragazzi in Italia. Il Premio è riservato agli allievi di Scuole di Fumetto e di Scuole e Accademie d'Arte e di grafica in Italia, quali licei artistici, Accademie di Belle Arti, di ogni ordine e grado. Il Premio vuole stimolare la crescita di nuove leve di autori di fumetto invitando i giovani autori a impegnarsi nelle tematiche per bambini e ragazzi in Italia e sono dunque esclusi i professionisti del settore. La partecipazione al Premio è gratuita. Scuole e allievi possono trovare tutti i dettagli, i moduli di iscrizione, consigli, il premio per i vincitori e il regolamento del Premio qui: www.anonimafumetti.org/premiobelgio2009

Jonah Martini in mostra a Bergamo

Riceviamo: "Sabato 2 Maggio dalle ore 16,00 Alex Crippa (sceneggiatore) ed Alfio Buscaglia (disegnatore) inaugureranno la mostra di tavole originali sul loro personaggio JONAH MARTINI, presso la fumetteria ComiXrevolution di Bergamo in Galleria Fanzago, 19 (vicino alla stazione), con ingresso gratuito con durata fino al 30 Maggio. Durante l'incontro sarà presente anche Michele Foschini rappresentante delle casa editrice ReNoir che illustrerà le novità editoriali. I partecipanti più fortunati, dopo l'inaugurazione, potranno impossessarsi di una stampa inedita ed in tiratura limitatissima e numerta di Jonah Martini, firmata da Alfio Buscaglia. Ma le sorprese non finiscono... infatti a oltre ad eserci una sessione di firme e disegni, ed uno sconto del 10% su tutto il catalogo ReNoir presente in negozio, ai partecipanti verrà comsegnato un fumetto omaggio by ReNoir." Click qui per la locandina.

mercoledì 29 aprile 2009

MoisEditoriale - Associazioni mentali

Abu-Leghraib
Oggi va così. Prima mi sono capitate sotto gli occhi le immagini delle terribili torture di Abu Ghraib, che stanno venendo a galla grazie alla politica di trasparenza dell'amministrazione Obama e subito dopo, a poche pagine di distanza, mi è arrivato fra capo e collo un articolo sul ritorno delle ronde. Roba diversissima, nevvero? Un oceano di distanza e un abisso di diversità fra un contesto e l'altro... Eppure... eppure, con quella sottile, repentina, bizzosa anarchia con cui talvolta i neuroni si scambiano elettrochimiche bizzarrie, mi è scaturita la vignetta che potete vedere cliccando qua a lato. Sicuramente si tratta solo di una bislacca associazione mentale e le future, benemeritissime ronde padano-leghiste non saranno foriere degli stessi atteggiamenti e della stessa mentalità che hanno permesso Abu-Ghraib, vero? Vero?
Il MoisEditoriale di oggi si ispira a questa notizia e a quest' altra notizia . By Moise

Napoli Comicon: il bilancio di Luca Boschi

Napoli Comicon è ormai concluso. Quindi è tempo di bilanci. A parlare, a caldo, è il direttore artistico del salone internazionale del fumetto, Luca Boschi. Il noto critico è stato intervistato da Exibart. Nel corso della conversazione, Boschi ha sottolineato il ruolo culturale di Napoli e la risposta inaspettata da parte del pubblico. Talmente numeroso da costringere alla chiusura temporanea Castel Sant'Elmo. "Il primo dato da evidenziare, assolutamente positivo, è l'abbassamento dell'età dei visitatori" ha spiegato. Per leggere l'intervista integrale fare click qui o sull'immagine.

Umberto Eco entra nel CICAP

Umberto Eco (molto amato dagli appassionati di fumetto per la sua opera a favore della letteratura disegnata) diventa membro onorario del CICAP (benemerita organizzazione che festeggia il proprio ventennale) a fianco di Carlo Rubbia e Rita Levi Montalcini. Ecco il suo discorso d'ingresso: "Ritengo che l'attività del CICAP sia un atto civile e morale necessario. Purtroppo come tutti gli atti civili e morali necessari, cioè predicare il bene, la non violenza... è una gran perdita di tempo, è destinato alla sconfitta perché c'è il male nel mondo e così via. Allora bisogna smettere? No, perché anche a rischio di essere retorico, la verità, la giustizia vanno sempre proclamate e sfortunati quei paesi in cui facendo male non c'è neanche qualcuno che dice che è male farlo. Però credo che una funzione si possa avere: non di convincere il credulo, ma almeno di indurre le sedi responsabili, i quotidiani, i settimanali, la Rai di non incrementare la credulità e di non favorire quelli che io chiamo i mercanti dell'assoluto, coloro cioè che sulla credulità ci campano. Questo non risolve, non risolverebbe, non risolverà completamente il problema ma almeno può mantenerlo entro dei limiti. Voglio dire, alla fine il credulo vuole essere credulo: continui, è suo diritto sancito da tutte le costituzioni ma almeno non si dirà che c'è qualcuno che per fare audience e per fare copie specula sulla sua credulità". Per la cronaca, anche Umberto Veronesi, medico, chirurgo e Senatore della Repubblica, noto in tutto il mondo per le sue ricerche sul cancro, è recentemente entrato nel CICAP come nuovo Garante Scientifico. Info: http://www.cicap.org/ - www.cicap.org/20anni/

Venezia premia la Pixar

Photo by John Mueller - CCA 2.5 - clickIn occasione della 66. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, dal 2 al 12 settembre, verrà consegnato a John Lasseter, lo 'chef' del fenomeno Pixar, il Leone d'oro alla carriera. Lo stesso riconoscimento era già stato conferito al suo amico Myiazaki Hayao, ma la particolarità questa volta sta nella celebrazione anche degli altri registi della Disney/Pixar, giustamente riconosciuti quali co-artefici del successo della 'Casa della lampada'. Brad Bird, Pete Docter, Andrew Stanton e Lee Unkrich saranno al fianco di Lasseter a Venezia non solo in occasione della cerimonia di premiazione ma anche per un attesissimo workshop rivolto ai giovani animatori italiani ed europei (fonte: www.primaonline.it ).

John Lasseter, the chief of Pixar/Disney, will be awarded with his staff of directors at the next Festival of Venice (2-12 september 2009).

Scoperta la grave malattia di Tintin?

© 2004 Canadian Medical Association - clickIl "nato vecchio" che ringiovanisce col passare degli anni, protagonista del breve racconto di Scott Fitzgerald (Il curioso caso di Benjamin Button, 1922), e poi del film, e poi del fumetto, può essere una interessante trovata narrativa e, volendo, avere anche dei riscontri scientifici, in qualche misura. Ma come giudicare una ricerca scientifica fatta per dimostrare che c'è un motivo medico nel fatto che Tintin (il personaggio creato da Hergé nel 1929 e ora protagonista del film di Spielberg e Jackson) dalla sua prima avventura all'ultima negli anni settanta non è mai invecchiato? Be', anche gli scienziati devono divertirsi, ogni tanto, sia pure in modo scientifico, no? Comunque, se vi interessa conoscere i dettagli della "acquired growth hormone deficiency and hypogonadotropic hypogonasim" di Tintin, accertata dalla Canadian Medical Association, seguite il link qui di seguito per leggere l'articolo completo, datato 2004. Magari si può applicare anche ad altri personaggi dei fumetti, che non invecchiano.

"Acquired growth hormone deficiency and hypogonadotropic hypogonadism in a subject with repeated head trauma, or Tintin goes to the neurologist. Antoine Cyr, Louis-Olivier Cyr and Claude Cyr. Antoine Cyr currently attends Chez Marlène daycare, and his brother Louis-Olivier Cyr is a first-grade member at École primaire Champlain. Claude Cyr is Associate Professor with the Faculty of Medicine, University of Sherbrooke, Sherbrooke, Que. We describe the unique case of a public figure who is well known for having delayed pubertal development and statural growth (Fig. 1). We believe we have discovered why Tintin, the young reporter whose stories were published between 1929 and 1975, never grew taller and never needed to shave..." Full article: CMAJ."

Corso - Animazione al Centro Sperimentale

Riceviamo: 16 POSTI A CONCORSO PER IL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN ANIMAZIONE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA - Triennio 2010-2012 - sede di Chieri (Torino) - Bando di concorso: www.fondazionecsc.it - Termine per l’invio delle domande: 15 luglio 2009. Il bando è rivolto a giovani cittadini europei e - limitatamente ad un posto - a cittadini extraeuropei, dotati di forte motivazione e predisposizione ai mestieri del cinema e dell'animazione, solida preparazione artistica e capacità di disegno/modellazione, conoscenza o predisposizione all'utilizzo di strumenti informatici per la creazione d'immagini. Il curriculum è triennale con frequenza obbligatoria, l’ammissione è su concorso, la tassa d’iscrizione annuale è di 1.500 euro. Il corso di specializzazione in animazione del CSC, unico in Italia, si propone la formazione di artisti e tecnici qualificati per la partecipazione alle diverse fasi creative, progettuali e realizzative delle produzioni basate sull’animazione. Pre - requisiti essenziali dei candidati: - Titolo di studio: diploma di scuola media superiore o titolo di studio equivalente conseguito entro il 2009; - Data di nascita compresa fra l'1 gennaio 1983 e il 31 dicembre 1990; - Capacità di disegno e/o modellazione e conoscenza del cinema e dell'animazione; - Ottima conoscenza della lingua italiana. Con la domanda d'iscrizione i candidati devono presentare, ai fini della selezione: Portfolio grafico su supporto cartaceo (obbligatorio), show reel di materiale filmato, animazione o live action, durata massima 10 minuti (facoltativo), flip book (facoltativo). Requisiti e consigli per la selezione: Conoscenza e passione per il cinema e per l'animazione sono il punto di partenza per seguire il nostro percorso formativo insieme ad una forte motivazione professionale, predisposizione al lavoro in equipe, capacità di organizzare il proprio tempo e disponibilità ad un lavoro "time consuming" e "labour intensive" come quello dell’animazione. Sono importanti: spiccata sensibilità per il racconto filmico, interesse e attitudine alle arti visive, predisposizione e capacità di visualizzazione e disegno, creazione e riproduzione di immagini con stili differenti; nozioni di prospettiva e disegno volumetrico, versatilità nell'uso di tecniche diverse di disegno, grafica, pittura, modellazione sia tradizionali che digitali. Il percorso formativo si sviluppa su due linee di specializzazione: animazione classica e animazione 3D/effetti visivi. Ampio spazio è dato alla sperimentazione e allo sviluppo di progetti personali, ma anche a realizzazioni su progetto esterno e ad esperienze in produzione. Corsi, seminari e laboratori sono tenuti dai migliori professionisti dell’animazione. La Scuola di animazione del Centro Sperimentale di Cinematografia è situata in una tenuta sulla collina di Torino. Il corso di animazione del CSC, nato nel 2001 con il supporto della Regione Piemonte, ha concluso i suoi primi quattro cicli formativi, diplomando giovani artisti e tecnici, realizzando numerosi progetti in simulazione di committenza e vari cortometraggi come saggi di diploma, già selezionati e premiati - fra gli altri - ai Festival internazionali di Annecy, Hiroshima, Ottawa, Dervio, Cartoons on the Bay, Arcipelago di Roma, I Castelli Animati di Genzano, Animafest di Zagabria, Virtuality di Torino, Future Film Festival di Bologna, CICDAF di Changzhou, Les E-magiciens di Valenciennes, TrickFilm di Stuttgart, SICAF di Seoul. Il corso di animazione gode del sostegno di RAI, Turner Broadcasting System Italia (Cartoon Network) e Fondazione CRT. Per informazioni sul Bando e sul Corso d'Animazione: animazione@fondazionecsc.it - Segreteria Didattica Animazione tel. 011 9473284201 - www.fondazionecsc.it

Do you want to study Animation in Italy? Click the links to learn more about it.

Annuario Professionale del mercato francofono

Si sa. Quello della francofonia è "il" mercato fumettistico europeo. Per cui è bene saperne il più possibile, se ci si vuole lavorare. Un piccolo strumento utile può essere l'annuario realizzato da Ad Tatum, l'Annuaire professionel de la bande dessinée et de l'illustration. Contiene informazioni su editori, autori, tipografie ecc., distributori, librerie, gallerie, festival, stampa specializzata, giornalisti, saggisti, agenzie, scuole, enti, sindacati... Per farvene un'idea, prima di procedere all'eventuale acquisto, andate al sito www.adtatum.com/annuaire/ e, nella colonna di sinistra, fate click su "Voir un extrait" per vederne un campione in pdf.

Do you want to learn more about the french comics market? Publishers, creators, agencies, festivals etc.? Take a look at the Annuaire Professionel by Ad Tatum. Click the image in this article.

Peroni vende i suoi originali di Gianconiglio

Ah, le belle storie di Gianconiglio! Carlo Peroni ne aveva messe alcune in linea nel suo blog e ora mette in vendita gli originali, grandi tavole da 35x50 centimetri. Se siete interessati, vi basta fare click qui oppure click qui.

The originals of Gianconiglio by Carlo Peroni (maybe ouside Italy you remember Sonny) are available: just click the links to learn more.

Da Topffer a Rubino, per capire il fumetto

Lo svizzero Rodolphe Topffer comincia, consapevolmente, a far fumetti nel 1827 e pochi anni dopo questi manoscritti-manodisegnati cominciano a essere diffusi anche in forma stampata, glorificati dal grande Goethe. I suoi racconti faranno il giro del mondo e suscitano imitatori a bizzeffe. E' un (nuovo) inizio di una modalità precisa di racconto per immagini che diventerà familiare a tutti nell'arco di un po' di anni, fino a diventare un fenomeno industriale negli USA. Topffer definisce il proprio modo di raccontare storie con un "trattato scientifico", ponendo così anche le basi per la ricerca accademica sul fumetto. In Italia, chissà come, perché e quando (ma di questo si occupa Alfredo Castelli, come abbiamo scritto in precedenza su afNews), prevale l'uso di definire il tutto attraverso una parte: chiamiamo "fumetto" la "letteratura disegnata", pur sapendo che il fumetto è solo il contenitore dei dialoghi. Ma a oltre cento anni di distanza dai fumetti di Topffer e dalle sue lucidissime prime analisi del fumetto stesso, Antonio Rubino (nel 1938) affronta questi temi (parlando di "sistema dei fumetti", di "azione scenica" e di "tavole a quadretti") e non per motivi accademici, ma, a quanto pare, per contrastare le critiche che arrivarono durante il regime fascista. Lo fa con interessanti articoletti che Luca Boschi pubblica nel suo blog e che siete invitati a leggere, se vi va di cercare di capire meglio di cosa parliamo, quando diciamo "fumetti", per scoprirne l'affascinante storia. Ci troveremo l'uso del termine "tavolista" per indicare chi realizza le "tavole disegnate", utilizzando così un termine che richiama la pittura e gli affreschi rinascimentali: le "tavole" (rimando alla pittura su tavola), o i "cartoni" (termine che ricorda sia i cartoni preparatori degli affreschi, sia i cartoni d'arazzo, opere d'arte in sé, a dirla tutta, altro che "bozzetti" come si intendono oggi). "Tavolista", quindi, come "realizzatore di tavole, di cartoni", cartoonist, insomma. E cosa c'è in quelle tavole? Quadretti. Ma non nel senso di "serie di quadratini", ovviamente! Nel senso di serie di piccoli quadri, usando il termine pittorico. Tavole (o cartoni) che contengono serie di piccoli quadri, contenenti a loro volta dei disegni compiuti e dei contenitori di dialoghi (i "fumetti", così detti per la somiglianza con nuvolette di fumo). Affascinante. In Italia la letteratura disegnata avrebbe potuto chiamarsi "quadretti", invece di "fumetti", oppure magari "tavole", o forse "cartoni", chissà... O "tavole disegnate", o "strisce disegnate", a seconda dei formati. In altri Paesi è andata proprio così. Per saperne di più, fate click qui per leggere l'articolo con il primo intervento di Rubino pubblicato da Boschi, e click qui per leggere il secondo.

Obama e la principessa nera Disney

copyright DisneyOvviamente è solo una coincidenza, anche se molto interessante (e quindi sottolineata dalla stampa), l'uscita, nel 2009, del film Disney a disegni animati bidimensionali La Principessa e il ranocchio, con protagonista la prima principessa Disney nera, proprio quando gli USA hanno il loro primo Presidente nero. La storia, ampiamente anticipata anche su afNews a suo tempo e avviata nel 2006, è quella dell'afroamericana Tiana, con tanto di ranocchio e principe (bianco), a New Orleans. Sarà in Italia per Natale. Per vedere il trailer e saperne di più, fate click qui.

Festival del Fumetto aereonautico

Il fumetto (in particolare nella francofonia) ben si presta a manifestazioni tematiche di ogni tipo. A Ginevra (in Svizzera, naturalmente) il locale Festival de la BD, alla sua seconda edizione, si sposta nei locali dell'aereoporto per una esposizione sul fumetto di ambientazione aerea. Se passate da quelle parti tra il 15 e il 17 maggio 2009 troverete una quantità di autori di fumetto aereonautico pronti a far dediche. Info: www.fetedelabd.ch.

martedì 28 aprile 2009

Scuola di Fumetto 67 - liberta' e' partecipazione

Mentre continua l'uscita di nuovi volumi della serie Lezioni di Fumetto (Bruno Brindisi, GiPi, Davide Toffolo, aggiunti a Claudio Villa, Angelo Stano, Dave Gibbons, e Roberto Diso), arriva Scuola di Fumetto numero 67. La copertina esplode con Tanino Liberatore, accompagnato dall'anteprima di Caravan, un inedito di Sara Colaone, Elfo con fumetti e politica. All'interno, oltre alel consuete rubriche, Priarone affronta i critici di fumetto e continua la sezione dedicata al diritto di autore, stavolta, come promesso, con l'intervento dell'avvocato Pellegrino. Stimolati dall'articolo, con l'occasione spendiamo due parole sull'insegnamento delle basi del diritto di autore nelle scuole di fumetto (et similia), cosa che facciamo da molti anni dedicando almeno una giornata all'argomento, là dove insegniamo. Questa dovrebbe davvero diventare una prassi generale, perché non ha senso preprare allievi dal solo punto di vista delle tecniche del fumetto e poi lasciarli nell'ignoranza dei loro diritti e senza strumenti di contrattazione. Ma c'è un altro passo da fare, ovviamente: superare i limiti della legge attuale lavorando sia sui rapporti di forza contrattuali collettivi (dando forza ai sindacati di categoria, per dirne una che in altre categorie sarebbe semplicemente ovvia), sia spingendo proposte migliorative in Parlamento. Lo si fa da tempo, è vero, ma è altrettanto vero che non basta: ci vuole una ben maggiore partecipazione, per ottenere risultati adeguati.

Schulz: un milione di dollari per la ricerca sul fumetto

La vedova di Charles M. Schulz, il grande cartoonist creatore di Snoopy e amici, ha donato un milione di dollari all'Università di stato dell'Ohio per sostenere Sullivant Hall, che sarà la sede di un grande centro di ricerca accademica mondiale per la documentazione sul fumetto ("printed cartoon art"). E ne ha già promessi altri, come potete leggere in dettaglio nell'articolo qui di seguito.

"The Ohio State University received a gift of $1 million from Jean Schulz, the widow of Peanuts creator Charles M. Schulz to support the renovation of Sullivant Hall, the future home of the world’s most comprehensive academic research facility dedicated to documenting printed cartoon art..." Full article: ComicsDC.

Torino Comics: record e nuove date

photo Goria - clickTorino Comics & Games ci segnala la decisione di collocarsi definitivamente nel mese di aprile. "In questi giorni abbiamo preso contatto con le varie segreterie delle manifestazioni di settore per stabilire il calendario 2010 nel periodo di nostra pertinenza, per il momento abbiamo avuto solo la conferma dei seguenti eventi: Cartoomics - Milano 26-27-28 marzo 2010 e Napoli Comicon 23-24-25 aprile 2010. La grandi realtà hanno bisogno di programmazione molto lunga quindi, anche Torino Comics & Games si allinea alla modalità di programmazione per migliorare le condizioni di lavoro di tutti gli operatori del settore." Conseguentemente ecco le date della prossima edizione della manifestazione torinese: 9-10-11 aprile 2010. Con l'occasione ci è stato anche consegnato il comunicato ufficiale (che potete leggere facendo click qui) nel quale viene enunciato il record di visitatori e il conseguente slancio verso il futuro. Vittorio Pavesio ci aveva inoltre annunciato la presenza alla Fiera Internazionale del Libro di Torino (14-18 maggio 2009) con l'iniziativa Comics Park - Animation Studios.

Fumetto d'autore per bambini

Una volta il fumetto per bambini era creato da autori che poi la critica avrebbe chiamato Maestri del Fumetto. Succede ancora? Si può andare in libreria e vedere cosa passa il convento. Sicuramente la Toon Books parrebbe lavorare in questa direzione, visto che il Series Advisor è Art Spiegelman e l'Editorial Director è sua moglie Francoise Mouly. Vale la pena dare un'occhiata ai titoli che propongono. Ci si trova Little Mouse di Jeff Smith, tanto per dire. Gli altri ve li lasciamo scoprire da soli, facendo click qui.

Good comic art for children at Toon Books. Learn more: just click the links.

Goscinny: in mostra gli anni TIntin

Inaugurata il primo aprile, la grande mostra dedicata agli anni in cui il grandissimo sceneggiatore René Goscinny ha lavorato in Belgio (dal 1955 al 1961), per il giornale Tintin, con alcuni dei grandi fumettisti del momento (Tibet, Uderzo, Macherot, Franquin, Berck, Attanasio... oltre ai progetti di animazione con la Belvision: Astérix le Gaulois, Astérix et Cléopâtre), sarà aperta al pubblico fino al 25 settembre 2009 alla Fondazione Raymond Leblanc a Bruxelles. Info: click l'immagine.

Big exhibition about the Bruxelles years of Goscinny, at the Leblanc Foundation. Info: click the image.

Wow! Il blog di David Gerstein!

David Gerstein è molto noto come esperto Disney e di fumetto e animazione in genere. Ora ha un suo blog. Vale veramente la pena andarci a buttare un occhio... Click qui.

The wellknown expert David Gerstein has now his own blog. Take a look at it: click here.

lunedì 27 aprile 2009

Alle origini del Sistema del Fumetto!

Il "sistema del fumetto" è quello che usiamo per dare voce ai personaggi della letteratura disegnata. Un tuffo alle origini dell'uso del termine "fumetto" associato alla narrativa disegnata è quello che ci offre Luca Boschi nel suo blog, stimolato dalla ricerca che sta svolgendo Alfredo Castelli nel tentativo di tracciarne finalmente la storia. Se fate click sull'immagine qui accanto, potete leggere l'articolo completo e, soprattutto, vedere coi vostri occhi il testo di Antonio Rubino del 1938 nel quale, forse per la prima volta?, si esplicita il "sistema del fumetto" come mezzo per trasformare un racconto in una efficace azione scenica. Una ghiotta curiostà per gli appassionati di fumetti - un must per gli studiosi. Se avete altro materiale d'epoca (magari precedente), fatevi vivi (redazione@afnews.info) e lo invieremo a Castelli: potrete così sostenere la sua lodevole e faticosa ricerca.

Alfredo Castelli is looking for the "origins" of the Italian use of the word "fumetti". Click the image to learn more about it.

Dylan Dog by Faraci e Cavazzano: le immagini

Del Dylan Dog disegnato dall'eccezionale Giorgio Cavazzano su testi del poliedrico Tito Faraci si parlava da tempo. Ora in rete si trova anche qualche immagine. Sul Corriere del Veneto, naturalmente, insieme a un interessante articolo (con un altrettanto notevole refuso, "1874", che apprezzerete sicuramente - click qui) e nel blog di Faraci (click qui). Buona lettura e buona visione.

A special issue of Dylan Dog, by Giorgio Cavazzano and Tito faraci for Bonelli. Just click the links.

MoisEditoriale - Spooky Jackson

Michael Jackson e i fantasmi
Questo 'pezzo' andrebbe letto con l'immortale colonna sonora della Famiglia Addams , e con quel misto di ironia, understatement, e senso dell'horror che caratterizzava i telefilms di Gomez, Morticia e dell'impassibile Lurch! Insomma, nell'orrida babele di nefandezze che è il panorama socio-politico del cosiddetto mondo reale una notizia fumettosa, ogni tanto non guasta! E proprio di questo parla il MoisEditoriale odierno, che vede il thrilleroso e ormai più-bianco-del-bianco Michael Jackson traslocare dal castello in cui risiedeva... per timore dei fantasmi! Fantasmi? Se possedessi un castello la mia paura massima sarebbe l' ICI ! Altro che fantasmi! Va però detto per amor di gossip che, visto l'attuale, cadaverico look dell' ex-abbronzato Michael, c'è da supporre che siano stati proprio gli spettri del castello ad inviare una vibrata protesta perchè la pallida rockstar sloggiasse dalle turrite stanze! Vabbèhhhh! Ora che ci siamo rinfrancati con un po' di sano vecchio horror Addams-style, possiamo tornare agli orrori della quotidianità! "Grazie, Mano!"
Il MoisEditoriale di oggi si ispira a questa notizia. By Moise

Caravan di Medda: il blog

Lo segnala Tito Faraci nel suo blog, il blog del collega Michele Medda, che entra così anch'egli nel rutilante mondo della comunicazione tramite blog per parlare della sua nuova miniserie per Bonelli, Caravan. Click l'immagine per visitarlo e interagire con l'autore.

Lupo Alberto in giro per la Lombardia

Silver e Lupo Alberto - photo Goria - clickIl mondo dell'immaginario ha sempre raccontato con simpatia gli animali, fin dai tempi di Esopo. Letteratura, cine-televisione e fumetti hanno spesso offerto ai nostri amici a quattro zampe ruoli da protagonisti, da Lassie a Rex, per citare due cani fin troppo celebri. Passando ai fumetti, l'elenco è decisamente lungo, aperto dalla dispettosa e ostinata mula Maud (la Checca in Italia). Circa un secolo fa, nel 1910, arrivò Krazy Kat, un'originale e poetica striscia di George Herriman, che aveva per protagonisti una gatta innamorata di un topo di nome Ignazio, che la ricambiava con mattonate in testa. Questi scontri amorosi venivano risolti da un burbero cagnone, Offisa Pupp, che chiudeva il topolino in prigione. Qualche anno dopo, nel 1917, Pat Sullivan disegnò per i cartoni animati Felix the Cat (semplicemente Mio Mao in Italia) che sarebbe poi approdato anche nei fumetti. Il cinema d'animazione e i comics sono stati, e restano, il più ricco filone di storie con animali, dall'universo disneyano popolato di topi, paperi, cani, ecc. al cinema di Hanna e Barbera (con i celebri Tom e Jerry, Braccobaldo e l'orso Yoghi) o della Warner Bros, con altri riusciti protagonisti, dal Gatto Silvestro a Bugs Bunny, da Speedy Gonzales a Titti. In pochi anni il mondo dell'immagine in movimento o statica si è popolato di decine di piccoli e simpatici amici, compresi gli abitanti della palude di Okefenokee dove vive l’opossum Pogo con i suoi amici, l'alligatore Albert, il gufo Gustavo e altri, ideati da Walt Kelly. In questa realtà gli italiani sono rimasti quasi sempre assenti almeno fino agli anni Settanta, quando alcuni giovani autori dotati di fantasia e qualità artistiche hanno ideato personaggi che ancor oggi resistono bravamente all'invasione straniera. Ci riferiamo a Lupo Alberto di Silver, alla Pimpa di Altan e Lupo Alberto - photo Goria - clickqualche altro dalla vita più breve, come il coniglietto Pinky di Mattoli, o Ramarro di Palumbo, o il maialino blù Harpo o anche Squeek, il topo sadico di Mattoli. Il più popolare fra questi, al di là della Pimpa amata dai più piccoli, è senz'altro Lupo Alberto, che in questi mesi festeggia i 35 anni di vita (è nato sul primo numero del Corriere dei Ragazzi nel 1974, dopo l'esordio al Salone di Lucca l’anno prima) con una serie di mostre ospitate in varie località della Lombardia. Dopo il debutto, a febbraio a Cesano Maderno, Lupo Alberto, la gallina Marta, Enrico la talpa, il cane Mosè e gli altri protagonisti di questa storia infinita ambientata in una fattoria dove vivono vicende non necessariamente estranee dalla realtà, saranno di scena a Limbiate dall'1 al 10 maggio, a Varedo dall'11 al 24 maggio e a Seregno dal 26 maggio al 20 giugno. La rassegna itinerante proporrà strisce, tavole, disegni preparatori, e tutta una serie di oggetti legati al merchandising di Lupo Alberto, un simpatico amico al quale sono dedicati un mensile, in edicola da circa 25 anni, numerosi cortometraggi animati, e naturalmente volumi editi in Italia e in molti Paesi stranieri, a conferma di un successo nato in modo artigianale nello studio di Bonvi (dove Guidino Silvestri, ovvero Silver, ha imparato a disegnare) e diventato ormai quasi universale. [Carlo Scaringi]

Bruno Concina: Grande Firma Disney parla di...

Bruno Concina - foto da Lustige-TaschenBuecher - clickBruno Concina è una delle Grandi Firme del fumetto, noto per le sue storie Disney. Per 30 anni ha regalato ai suoi lettori una caterva di emozioni trasformate in racconti a fumetti, nati dalla sua esperienza personale complessa e variegata, non di solo fumettista, ma di insegnante, scrittore, poeta ecc. Esasperato dal tipo di rapporto lavorativo con la Disney, in assenza di risposte dall'azienda, nel gennaio 2008 denunciò la situazione con lettere pubbliche (pubblicate anche su afNews a suo tempo [click qui e qui], dove se ne parlò più volte) che raccolsero una solidarietà diffusa, ma non risolsero positivamente la situazione. In una azienda in cui, in precedenza, già si erano visti, negli anni, tentativi di costituire rappresentanze sindacali aziendali, tutti falliti per scarsa adesione da parte dei fumettisti, nemmeno la coraggiosa "esposizione solitaria" di Concina riuscì a stimolare un efficace "senso di gruppo". Oggi Concina non lavora più per Disney, e all'autore "venziano DOC" mancano un po' i "topi e paperi", come potete leggere (in italiano) nell'intervista recentissima di Christoph Restel su Lustige-Taschenbuecher, integralmente disponibile in linea (click qui). Concina ora scrive, con successo, libri per ragazzi e adulti, e TC991836 Bruno Concina 1999 - photo Goria - clicksi racconta nuovamente (altre sue interviste precedenti, tra le tante, sono in rete: click qui per una del 1999, click qui per una del 2008), con grande umanità e schiettezza, a Restel. Ci troverete il suo amore per i personaggi Disney, qualche ulteriore chiarimento sulla vicenda che lo portò alla rottura con l'editore, il suo senso dell'amicizia e del rispetto per le persone, qualche parola su Gaudenzio Capelli, storico direttore, e anche sull'attuale direttore di Topolino, Valentina De Poli, e su colleghi come Massimo Marconi, Maurizio Amendola, Luciano Gatto, Giulio Chierchini, Romano Scarpa... Interessanti commenti tecnici, qualche puntura ("... molti sceneggiatori scriverebbero qualsiasi cosa per una manciata di biglietti di banca..."), fotografie, tanti pezzi di storia del fumetto Disney italiano e un messaggio per i suoi lettori. Click la foto per leggere l'intervista su Lustighe-TaschenBuecher.

New long interview to the Disney creator Bruno Concina. Click the links.

domenica 26 aprile 2009

The Guardians of Childhood

"Nuovo progetto "fiabesco" per la DreamWorks Animation: dopo aver reintrodotto vari personaggi delle fiabe tradizionali con la serie Shrek, lo studio di animazione sta lavorando a The Guardians of Childhood con la stessa premessa..." Articolo completo: click qui.

Il successo di Napoli Comicon

"L'edizione 2009 - spiega il direttore artistico, Luca Boschi - conferma che la convention più a Sud d'Italia è anche quella dal respiro più internazionale tra quelle italiane. Questa undicesima edizione ha catalizzato l'attenzione di operatori del settore e addetti ai lavori, appassionati dell'immagine (dal fumetto ai disegni animati, all'illustrazione) e il mondo della cultura in generale, confermando la portata cosmopolita e trasversale di Comicon..." Napoli Comicon chiude e celebra il proprio successo, che va ben oltre i numeri. Click qui per l'articolo completo.

Napoli: vince In Italia sono Tutti Maschi

"Sono stati resi noti, nell'ambito dell'11esima edizione di Comicon, Salone Internazionale del Fumetto in programma a Napoli, i vincitori dei premi Attilio Micheluzzi-Comicon 2009..." Articolo completo: click qui.

Resistenza e Liberazione a fumetti: in diretta

Mentre per il 25 aprile lo sceneggiatore, scrittore, musicista Giorgio Salati rilancia dal suo blog nientepopodimenoche Calamandrei ("Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un Italiano per riscattare la Libertà e la Dignità, andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione." - click qui), Leonardo Gori (esperto di fumetto e scrittore) ci offre alcune preziose immagini che arrivano dritte dritte da riviste italiane a fumetti degli anni 1944-1946 (anni zeppi di avvenimenti e coinvolgenti storie anche personali, come abbiamo avuto modo di scrivere), tra le quali, oltre a Jacovitti e Craveri, sono da segnalare quelle de I ragazzi di Piazza Cinquecento, di Raffaele Paparella (esempio di "neo-realismo a fumetti"?), che assume un particolare valore sia per la storia del fumetto italiano, sia per la nostra storia tout court: da vedere facendo click qui.

Concorso per allievi di scuole di fumetto e artistiche

Disegno di DanyIn occasione dell'anno dedicato al fumetto belga (2009) l'Ufficio Belga per il Turismo Bruxelles - Vallonia, il CTS ( Centro Turistico Studentesco e Giovanile ), la Brussels Airlines e l'Associazione italiana professionisti del fumetto Anonima Fumetti (responsabile per gli aspetti scientifici), indicono il premio artistico dedicato ai personaggi tipici del fumetto belga Il Fumetto Belga per Bambini e Ragazzi. L'obiettivo è far conoscere meglio la produzione fumettistica del Belgio, stimolando nel contempo, la produzione di fumetti per bambini e ragazzi in Italia. Il Premio è riservato agli allievi di Scuole di Fumetto e di Scuole e Accademie d'Arte e di grafica in Italia, quali licei artistici, Accademie di Belle Arti, di ogni ordine e grado. Il Premio vuole stimolare la crescita di nuove leve di autori di fumetto invitando i giovani autori a impegnarsi nelle tematiche per bambini e ragazzi in Italia e sono dunque esclusi i professionisti del settore. La partecipazione al Premio è gratuita. Scuole e allievi possono trovare tutti i dettagli, i moduli di iscrizione, consigli, il premio per i vincitori e il regolamento del Premio qui: www.anonimafumetti.org/premiobelgio2009

Mono, i Classici e Giardino

"E' stato presentato ieri al Napoli Comicon il n. 6 di Mono, rivista edita da Tunué dedicata stavolta a I Classici della Letteratura. Si tratta del primo numero della nuova gestione firmata da Daniele Bonomo e da me. La rivista è disponibile nelle migliori librerie e fumetterie, ed è acquistabile on line..." Così esordisce ieri Sergio Badino nel suo blog, annunciando l'uscita di Mono impreziosito dalla copertina di Vittorio Giardino che vedete qui accanto. Click qui per leggere il seguito.

Luca Novelli a Bolzano

Il cartoonist e divulgatore scientifico Luca Novelli è a Bolzano il 28 aprile 2009, alle 16:00 al Museo di Scienze Naturali. Info: click qui.

MoisEditoriale - Liberazione e Libertà

Liberazione (dal) PdLLo confesso: sono un MalPensante! La forma mentis fumettistica - devo dire - non mi aiuta, giacché mi porta a scorgere ovunque l'ombra di Lex Luthor, la longa manus di Rockerduck o la perfida abilità manipolativa-mediatica di Killgrave! Ammessa a priori la mia intrinseca, fantasiosa malizia devo confessare che, quando ho visto in tivvù quel BelloCiao di Mr.B. proporre la conversione della ricorrenza che celebra la Liberazione dal NaziFascismo e di chiamarla Festa della Libertà ho trattenuto il respiro: "Me lo sento... ora arriva... ora arriva l'inevitabile Jingle pubblicitario e l'Annuncio Ufficiale di Assimilazione del 25 Aprile al Popolo delle Libertà!". Poi, per fortuna non è successo! Il PresDelCons si è limitato alle sue solite gags contro i cattivi comunisti e consimili amenità... Che sollievo! Il MoisEditoriale di oggi si ispira a questa notizia. By Moise

sabato 25 aprile 2009

Simone Bianchi a Firenze

Simone Bianchi - photo GoriaSimone Bianchi sarà presente, in qualità di ospite d'onore, alla premiere nazionale del film X Men origins:Wolverine, presso il multisala VisPathè di Campi Bisenzio (Firenze) il prossimo martedi 28 aprile 2009. La proiezione avrà inizio alle ore 22 e 30, e sarà preceduta da un incontro con tutti i fan presenti, in cui Simone risponderà a ogni domanda inerente il processo creativo degli albi Marvel, la sua esperienza sulla testata regolare di Wolverine nel 2007, su testi di Jeph "HEROES" Loeb, oltre, naturalmente, a firmare gli albi su cui ha lavorato in questi ultimi anni. Info: http://www.simonebianchi.com/

Up! or down? Parliamone

Vorrei fare alcune personalissime considerazioni (del tutto opinabili) riguardo alle previsioni degli esperti USA sull'eventuale flop dell'ultimo film della Pixar, UP!, cercando di procedere punto per punto: 1) La veneranda età del protagonista..per lo meno per gli spettatori più giovani, tipici voraci consumatori di pupazzetti: ... 2) La pellicola accusa la mancanza di una figura femminile carismatica: ... 3) Ci sono lunghe parti senza dialoghi: ... 4) Alcune parti della pellicola sono "girate" in bianco e nero: ... 5) Un film poco commerciale e spendibile: ... In conclusione... Click qui per leggere le risposte nell'articolo completo e integrale di Eric Rittatore.

MoisEditoriale - 25 Aprile 2009

25 Aprile 2009Oggi si celebra l'Anniversario della Liberazione dal Fascismo. Cioè a dire il giorno in cui l'Italia e gli Italiani riuscirono a scrollarsi di dosso una fra le dittature più terribili ma anche più infide, striscianti e massmediatiche della storia. Va ricordato infatti che, molto ma molto prima della Tivvù, di Internet, FaceBook e Twitter una sedicente ideologia razzista, guerrafondaia, liberticida, opprimente e oppressiva riuscì a colonizzare la mente e le viscere di moltissime persone e a rendere individui altrimenti lucidi e critici una massa ottusa e pronta a Credere, Obbedire e Combattere per gli interessi di un gruppo di gerarchi, malaffaristi e banditi di ogni sorta. Chiedete pure a genitori e nonni del 'Sabato fascista', dell'abolizione della stretta di mano, del salto-nel-cerchio-di-fuoco, delle 'adunate oceaniche' di manganelli ed olii di ricino ed altre amenità... Eppure, nonostante il continuo lavaggio del cervello ad opera di tutti i settori della comunicazione, dopo una guerra sanguinosa ed orribile, a prezzo di infinite sofferenze, questo odioso parassita è stato estirpato. E oggi? La microbiologia ci insegna che alcuni morbosi bacilli riescono a sopravvivere anche in condizioni impossibili... Che dire allora dei germi del fascismo e del razzismo, specialmente in quest'era super-tecnologica e contemporaneamente nuovamente ottusa, isolazionista e barbarica!? La Liberazione compie 64 anni e già c'è qualcuno che rispolvera l'orbace nell'attesa che se ne vada in pensione... Non permettiamoglielo! Buon 25 Aprile a tutti! Il MoisEditoriale di oggi si ispira a questa notizia. By Moise

La Resistenza nel fumetto italiano

L'Italia è stata, tragicamente, la patria del fascismo, ispiratore e collaboratore del nazismo. Macchia indelebile, se una parte del popolo italiano non si fosse riscattato col sangue, con la Resistenza al nazi-fascismo, con la lotta di Liberazione. Tanti giovani (cattolici, comunisti, liberali, socialisti, azionisti, monarchici, anarchici ecc...) hanno dato la vita (e non per modo di dire) per riscattarci (tutti, anche quelli che, per diversi motivi, erano dalla parte sbagliata della Storia) da quella vergognosa macchia. Quante storie umane, terribili e grandiose, in quegli anni feroci. Il fumetto italiano ha saputo raccontarle? Tralasciando le opere con evidente carattere "didattico-didascalico" (come si diceva una volta), per restare invece in quello della narrativa "pura" (a fumetti): quanti e quali sono i fumetti italiani che hanno raccontato la Resistenza e la lotta di Liberazione dal nazi-fascismo? Qualche anno fa, in occasione dei 60 anni della Resistenza, gli alunni del Liceo Scientifico M. Luigia di Parma hanno lavorato proprio su questo progetto di ricerca (Aria di Libertà, che tra le tante altre cose, comprendeva anche il fumetto) e il risultato (che ripercorreva in parte il lavoro di Giovanni Barbi e Luciano Niccolai - Per la libertà. La resistenza italiana nel fumetto. Comune di Pistoia, 1995) era in linea su internet. Lì si faceva notare che il partigiano è "meno decorativo" del militare dotato di uniforme, ma può bastare una spiegazione estetica, alla scarsa quantità di racconti, per un periodo così denso di storie? L'analisi agli studiosi. Intanto segnaliamo che il libro citato, Per la libertà. La Resistenza nel fumetto, ora edito da Settegiorni Editore, a firma di Pier Luigi Gaspa e Luciano Niccolai, è stato presentato ieri a Pistoia alle 19:00, alla Biblioteca San Giorgio. Inoltre vi ricordiamo l'intervento su Fumetti e NaziFascismo di Pier Luigi Gaspa nel blog di Luca Boschi, l'anno scorso: click qui per leggerlo. Continene altre citazioni di fumetti ad hoc.

venerdì 24 aprile 2009

Anche a Napoli per i diritti degli Autori

SILF/SLC/CGIL segnala: Oggi alle 16:00 a Napoli Comicon, ha avuto luogo l'ennesima tappa del tour Una Firma per il Fumetto, promosso e portato avanti con determinazione da Ivo Milazzo, con la partecipazione di Vincenzo Cerami, E. Sant'Elia, Phil Ortiz e Luca Boschi.

Seminario sul Fumetto a Salerno

Riceviamo: UNIVERSITA' degli STUDI di SALERNO - Seminario a cura di Centro ICT di Ateneo e GenomART - arte digitale contemporanea - giovedì 30 aprile 2009, ore 15 - presso il Centro ICT, via Ponte Don Melillo, 1 - Fisciano (SA): DISNEY & BONELLI, disegnare, produrre e sfogliare i fumetti... differenze tra ieri e oggi - presentazione Massimo De Santo direttore del centro ICT di Ateneo http://www.centroict.unisa.it/ - breve panoramica sull'evoluzione del fumetto Marco Coraggio direttore responsabile di GenomART arte digitale contemporanea http://www.genomart.org/ - ICT e fumetti nel mondo: l’esperienza del colosso editoriale Gianfranco Cordara new media managing editor at Disney Publishing Worldwide http://www.disney.it/ - ICT e fumetti in Italia: il fumetto popolare italiano Bruno Brindisi disegnatore della Sergio Bonelli editore http://www.sergiobonellieditore.it/ - dalla parte dell’autore: dalla matita al mouse Vincenzo Lauria disegnatore, sceneggiatore e docente. L'evento verrà trasmesso in diretta su Unisound webradio dell'Università degli Studi di Salerno http://www.webradio.unisa.it/. Info: GenomART - http://www.genomart.org/

Concorso: MOMArt story

Riceviamo: Il MOMArt.Motore Meridiano delle Arti, indice il concorso MOMArt story, con il supporto organizzativo del Teatro Kismet OperA e in collaborazione con l’associazione Libera, Regione Puglia e il festival CRACK!, fumetti dirompenti. Un modo per raccontare la vicenda del MOMA, ex discoteca sequestrata alla malavita barese ed ora spazio per le nuove generazioni. Il MOMArt esordisce in questo modo nel campo delle arti visive. Attraverso una chiamata alle arti vogliamo affidare all’estro di giovani talenti pugliesi il compito di disegnare questa storia di criminalità organizzata e di tracciarne delle conclusioni, anche fantasiose, sulla vicenda. Il fumetto diventa così il modo attraverso il quale le giovani generazioni possono riflettere, utilizzando un linguaggio che è loro, in merito ai principi di legalità e antimafia. Il concorso è indirizzato ad autori pugliesi che non abbiano superato il limite di età di 35 anni, professionisti e giovani esordienti che operano nel settore del fumetto, del disegno, della grafica e dell’illustrazione. Il bando è suddiviso in due momenti: fase work in progress: tutti gli elaborati pervenuti saranno esposti al Forte Prenestino di Roma per il festival CRACK! fumetti dirompenti (crack.forteprenestino.net) fase di selezione e conclusione work in art: saranno scelti i progetti vincitori che verranno pubblicati in un volume sul MOMArt. Il bando con tutte le informazioni utili per la partecipazione al concorso è reperibile sul sito www.teatrokismet.org. Scadenza delle selezioni: 20 Maggio 2009.

Segnalazione Deposito Autori: Liggieri

SILF/SLC/CGIL comunica: Il sindacato di categoria SILF segnala la ricezione e il deposito online delle seguenti opere dei seguenti autori. Il Deposito Autori SILF è online su http://www.silf-cgil.org/ opzione di menù Deposito:

Alessandro Liggieri - 01 Vietato arrendersi.pdf - 22 aprile 2009

New entries in the Creators' Bin of the workers union SILF/SLC/CGIL online at www.silf-cgil.org/deposito/default2.htm.

Milano si tinge di Nero!

Diabolik - photo Goria - clickRiceviamo: Doppio appuntamento per gli amanti del genere in compagnia di Edizioni BD: lunedì 27 aprile 2009 a Milano si inizia alle ore 15, con "Storie di vita e di malavita", lezione spettacolo di Diego Cajelli, autore di "Milano Criminale", presso la Facoltà di Sociologia di Milano Bicocca. Si continua in grande stile alle ore 18, in Fnac Milano, in via Torino, dove ci aspettano Mario Gomboli, Davide Barzi e Tito Faraci per raccontarci le diabolike idee contenute nel nuovo libro "Diabolik.Un Cattivo Soggetto", e nella nuova edizione de "Le Regine del Terrore". Inoltre, grazie alla preziosa collaborazione di Astorina, sarà disponibile anche un esclusivo omaggio. Info: http://www.edizionibd.it/

25 aprile: ANPI e Napoli Comicon

"Il 25 aprile, per ricordare la Resistenza e la liberazione dal nazifascismo, la sezione di Napoli dell'ANPI Associazione Nazionale Partigiani d'Italia organizza una manifestazione con musica nella zona pedonale di via Luca Giordano e, in collaborazione con Napoli COMICON, la presentazione del fumetto Rudolf Jacobs - Un ricordo indelebile, nato da un progetto di Denise Murgia (ANPI - Sezione di Sarzana) e Daniele Pignatelli (Comic House) pubblicato da ANPPIA, realizzato dagli studenti del liceo classico T. Parentucelli di Sarzana, sotto la supervisione dell'autore Maurizio Ribichini. Collegata all'evento è l'esposizione realizzata da ANPI Napoli e curata da Italo Pignatelli su Le 4 giornate di Napoli allestita presso la Biblioteca Benedetto Croce di via F. De Mura 2bis (lun-ven 9,00-19,00) dal 22 aprile all'8 maggio."

Carls Barks: una foto e una lezione di vita

Carl Barks 1973 - photo Mark Evanier - clickI casi della vita... Carl Barks, il creatore di Zio Paperone e tanti altri fantastici personaggi della letteratura disegnata, tutti ancora in piena attività, è oggetto di una fotografia, scattata da Mark Evanier nel lontano 1973, di cui vedete qui solo un frammento. Pubblicandola alcuni giorni fa nel proprio sito, Evanier racconta un illuminante aneddoto su un paio di collezionisti, allora trentenni, che volevano andare da Barks perché "è vecchio, sbrighiamoci prima che muore". Barks allora aveva 72 anni ed è vissuto fino a 99. I due collezionisti, invece, sono morti tutt'e due prima di lui. Click qui per vedere la foto e apprendere una ennesima lezione su vita e morte.

"Yes, that's Carl Barks, the delightful cartoonist who wrote and drew Donald Duck comic books for years and created much of Donald's supporting cast, including The Beagle Boys, Gyro Gearloose and Uncle Scrooge. This is a photo I took in 1973 on a visit to the home he and ..." Full article: Evanier.

MoisEditoriale - Gusto Galassia

Gusto Galassia
Dopo tante assurdità delle Crape Padane, concediamoci un sorso di rasserenante gossip-scientifico. A quanto pare, secondo alcuni insigni studiosi di astronomia la Via Lattea avrebbe gusto di lampone e aroma di rum! Notiziona spaziale! Scoop cosmico-mediatico! Roba da Gran Team-Up fra Quark e La Prova del cuoco! Già ce lo vedo Beppe Bigazzi a Monte Palomar a discettare con gli astronomi e a puntualizzare con la consueta petulanza che il Lampone astrale non è neppure paragonabile al Lampone Toscano DOS (Denominazione di Origine Spaziale). E l'aroma di Rum? Lo slogan di una nota marca del celebre, piratesco liquore recita: "il preferito nei peggiori bar di Caracas"... Dovremo cambiare il claim con "il preferito nei peggiori bar di Alpha Centauri!" ? Comunque la notizia è davvero di quelle che fanno sognare! E se ci spingiamo solo un po' più in là, con fumettistica fantasia, nulla ci vieta di amalgamare il latte della via lattea con il gusto lampone e ottenere un fantastico Frappè Spaziale al Lampone eRum! Che delizia, ragazzi! Neppure al Black Hole Bar si è mai assaggiato qualcosa del genere! Speriamo solo che, mentre stiamo per gustarci il nostro frappè al gusto galassia al fresco della sera sotto le tre lune di Aldebaran XII... non arrivi la solita ronda a romperci le scatole! Il MoisEditoriale di oggi si ispira a questa notizia. By Moise

giovedì 23 aprile 2009

SILF: il sito torna alla normalita'

SILF/SLC/CGIL comunica: Il dominio www.silf-cgil.org è stato integralmente ripristinato. La presenza del sito mirror www.afnews.net/silf/ (che ora torna a funzionare solo come rilancio automatico al sito principale) ha evitato disservizi nel periodo di risistemazione del domini da parte del provider. Tutto è tornato nella normalità, comprese le caselle postali di servizio (per i Depositi Inediti). Grazie per la pazienza e buon lavoro ai nostri iscritti.

Italiani (del fumetto) brava gente? Mah...

Ogni tanto l'accumulo di indignazione produce una reazione. E' il caso di Roberto Recchioni, noto professionista del comicdom italiano, che, nel suo blog, esplicita la propria indignazione in forma ironica. Dando naturalmente il via a una quantità di commenti da parte dei suoi lettori (tra cui altri professionisti del fumetto), in parte impegnati in una sorta di gara per scoprire "di chi sta parlando Recchioni", in parte per aggiungere la propria indignazione alla sua. Per quanto l'indignazione dalle nostra parti possa sembrare poco produttiva, noi invece riteniamo sia sempre utile, per cui vi invitiamo ad andare a buttare un occhio al suo intervento, facendo semplicemente click qui. Se non siete del settore, forse scoprirete che anche il magico mondo del fumetto ha le sue belle rogne (ma se siete lettori abituali di afNews, questo lo sapete già abbondantemente). Se siete del settore, invece, forse non vi chiederete tanto "di chi sta parlando" quanto... "ma quanti ce ne sono che corrispondono alla descrizione, oggidì?". Buona lettura.

I Dimenticati fra i Dimenticati

Riceviamo: Venerdì 24 aprile ore 15.30 presso il Circolo Arcigay Il Cassero, via Don Minzoni 18, Bologna: I Dimenticati fra i Dimenticati - Seminario della memoria - La persecuzione degli omosessuali durante il nazi-fascismo. Interverranno: Patrizia Dogliani, storica, docente presso l'Università degli Studi di Bologna; Luca de Santis, scrittore, autore della graphic novel "In Italia sono tutti maschi"; Gabriella Romano, regista, autrice di "To Remember"; Sara Colaone, disegnatrice, autrice della graphic novel "In Italia sono tutti maschi". Al termine dell'incontro aperitivo di inaugurazione della mostra di tavole dal romanzo a fumetti "In Italia sono tutti maschi", Kappa edizioni 2008. A cura di: CESD Centro Studi sulla Discriminazione, SCI Servizio Civile Internazionale, AEC-EA Education, Audiovisual & Culture Executive Agency.

Sanguinosa infanzia con Tintin, Linus e Topolineide

"Un uomo che sta per diventare padre viene improvvisamente assalito da un senso d'angoscia. La sua paura non è legata al ruolo che l'attende. Appare piuttosto dettata da un sentimento di smarrimento, che lo riconduce à rebours. In un luogo dimenticato ritrova i suoi giornalini e i Tintin, gli album originali di Cocco Bill, i Mandrake, Nembo Kid, Linus, Topolineide, l'Uomo Mascherato, che hanno abitato la sua infanzia, rivivono nel ..." La recensione completa di Lucia Ravera a Tu, sanguinosa infanzia di Michele Mari per Einaudi, potete leggerla facendo click qui.

Ancora voci sul film con Blake e Mortimer

Ancora voci sul film che porterà sul grande schermo la serie Blake et Mortimer di Jacobs, in particolare l'avventura culto Il Marchio Giallo. Regista Alex de la Iglesia, attori: Hugh Laurie (Dr House) nel ruolo dello scienziato Philip Mortimer e Kiefer Sutherland (24) come Francis Blake dell'MI5. Sarà così? Vedremo...

The movie with Blake and Mortimer by Jacobs? Learn more: click here.

Uffa! Che Pazienza alla Biennale della Democrazia

Ci viene segnalato un nuovo importante appuntamento per i fan di Uffa! Che Pazienza. La proiezione di alcune puntate della serie tv è stata inserita nel programma della prestigiosa manifestazione culturale Biennale della Democrazia, che si svolgerà a Torino dal 22 al 26 aprile. Ecco gli appuntamenti previsti: Sabato 25 aprile, h. 15.00, Cinema Massimo, via Verdi 18, Torino. Proiezione di alcune puntate della serie e giochi con l’animazione, collaborano Enarmonia, Enanimation e il Laboratorio Immagine 2 Iter. Merenda per tutti offerta da Ferrero. Domenica 26 aprile, h. 10.00 Circolo dei Lettori, Salotto Verde e Sala delle Amache, Palazzo Graneri della Roccia, via Bogino 9, Torino. Giochi con i cartoni animati, collaborano gli artisti di Enarmonia e il Laboratorio Immagine 2 Iter. Info: www.enanimation.it - www.enarmonia.it - www.uffachepazienza.com

mercoledì 22 aprile 2009

MoisEditoriale - Eroiche Ronde anti-gelato (e kebab)

Ronde anti-gelato (e kebab)
Noi che viviamo e lavoriamo nel Magico Mondo dei Fumetti siamo abituati alle assurdità. Pensateci bene, gente che vola ingoiando noccioline, diventa fortissima mangiando spinaci o si fa mordere da un ragno radioattivo e poi zompa fra i grattacieli attaccato ad una tela! Abbiamo fatto un tale callo ai più sperticati voli della fantasia che siamo in grado di sopportare le peggiori boutades del PresDelCons senza fare (quasi) una piega. Tuttavia confesso che, anche dal mio sciroccato pulpito nel mondo di ToonTown, le periodiche sparate della Lega Nord continuano a lasciarmi di stucco. Sarà quel colorino verde-Hulk che gli obnubila i (pochissimi) neuroni, saranno le radiazioni Gamma sprigionate dall'overdose di Cassoela o le allucinazioni che l'eterno priapismo induce quando il flusso sanguigno trascura il cervello per convergere in zona Celodurista... Sarà quel che sarà ma ogni volta che cerco di dare un senso ai finissimi sillogismi leghisti mi coglie un terribile horror vacui. Stavolta tocca a quei covi di nequizia che sono i venditori di kebab. Visto che all'esterno di qualcuno di questi locali c'è talvolta chi fa un po' di casino, cosa decide l'acuto entourage legaiolo? Sanziona, multa o redarguisce chi - eventualmente - ha violato una regola della buona creanza, della buona educazione, financo della legge? Noooohhhh! Troppo complesso per le menti semplificatorie e proto-calderoliane delle teste verdi! Molto meglio proibire a chichessia di consumare kebab, gelati e cibi da passeggio. Stupefacente nevvero? Ora, da felice frequentatore delle fantasiose lande fumettistiche, non posso fare a meno di augurare alle (pare) neo-rinate ronde padane di redarguire magari il nipotino di nonna Abelarda !
Il MoisEditoriale di oggi si ispira a questa notizia. By Moise